Il Controllo di Gestione A Misura di Micro e Piccole Imprese

Make or buy: strategie per migliorare la competitività

Make or buy

Benvenuto, imprenditore!

Oggi esploreremo insieme una delle decisioni più cruciali per la tua impresa: il “Make or Buy”.

Immagina di avere il potere di ottimizzare la tua attività, migliorando la tua redditività e competitività. Questo è esattamente lo scopo dell’analisi del Make or Buy ed è ciò che scopriremo insieme.

Hai già sentito parlare di questa scelta strategica?

Il “Make or Buy” nel controllo di gestione riguarda la decisione se realizzare internamente (Make) o acquistare esternamente (Buy) beni o servizi essenziali per la tua impresa.

Potresti chiederti:

“Qual è la soluzione migliore per me? E come questa scelta può influenzare il futuro della mia attività?”

La risposta scomoda ma realistica è dipende.

Nel corso di questo capitolo, esploreremo cos’è il “Make or Buy” nel contesto del controllo di gestione.

Ti spiegherò perché questa decisione è così importante per le micro e piccole imprese. Come può influenzare il tuo successo nel mercato. E quali fattori analizzare per trovare la tua risposta.

Preparati a scoprire gli aspetti chiave del “Make or Buy” e a prendere decisioni informate per il futuro della tua impresa!

Cos’è il “Make or Buy” nel Controllo di Gestione?

Il “Make or Buy” è un’analisi fondamentale. E’ la scelta strategica che un’impresa deve fare riguardo alla realizzazione interna o all’acquisto esterno di beni o servizi necessari per il proprio funzionamento.

Immagina di essere il capitano di una nave e il “Make or Buy” è la bussola che ti guida attraverso le acque del mercato.

La decisione di “Make” implica la produzione/realizzazione interna dei prodotti o servizi. Significa prendere il timone e controllare direttamente la nave, gestendo internamente le fasi del processo.

Dall’altro lato, la scelta di “Buy” è come affidarsi a esperti marinai, esternalizzando alcune parti del processo ad altri fornitori esterni.

Questo ti permette di concentrarti sulle strategie di crescita e sul miglioramento del business.

TI evidenzio inoltre, che tale valutazione (Make or Buy) non si riferisce soltanto alla produzione, anche se in essa vi trova la sua principale applicazione.

Ma la stessa analisi può essere applicata anche a tutti i processi aziendali (marketing, vendite, progettazione, amministrazione, controllo di gestione,…)

Importanza della Scelta Strategica “Make or Buy” per le Micro e Piccole Imprese

La scelta tra “Make” e “Buy” ha un impatto significativo anche sulle micro e piccole imprese.

Queste decisioni possono determinare la direzione in cui l’azienda si muoverà e l’efficienza con cui raggiungerai le tue mete.

Una scelta oculata può aiutarti a ridurre i costi, migliorare la qualità dei prodotti o servizi e aumentare la tua competitività sul mercato.

Tuttavia, il percorso non è sempre facile da navigare. Ogni opzione ha i suoi rischi ed opportunità.

Prendere una decisione consapevole richiede analisi approfondite, valutazioni strategiche e una chiara comprensione degli obiettivi aziendali.

Analisi che devono essere sia di tipo quantitativo che qualitativo.

Fattori quantitativi

I dati e il loro confronto stanno alla base delle nostre riflessioni. In pratica: prima di tutto, occorre valutare la nostra situazione attuale e confrontare i valori odierni con un’ipotetica situazione futura. Più precisamente, tra le due situazioni ecco che cosa bisogna andare a confrontare:

  • Costi: quale delle due situazioni presenta costi inferiori?
  • Ricavi: il cambiamento sarà tanto importante da motivare un aumento di
    prezzo del mio prodotto?
  • Margini: guadagnerò di più dalla vendita del singolo pezzo?

Fattori qualitativi

Si tratta di riflessioni nel complesso meno tangibili rispetto ai precedenti, come:

  • Qualità: esternalizzare significa lasciare tale aspetto ad altri. Mi posso fidare?
  • Tempi di produzione: i tempi di realizzazione sono accettabili e affidabili?
  • Competenze: posso permettermi di portare all’esterno il mio know how o al contrario accedo a competenze superiori a quelle presenti in azienda?

Nei prossimi capitoli, esploreremo insieme i vantaggi e gli svantaggi del “Make” e del “Buy” e ti fornirò strumenti utili per prendere una decisione consapevole.

make or buy

Make: Realizzazione Interna

Ora che abbiamo chiarito cos’è e a cosa serve l’analisi del “Make or Buy”, andiamo ad analizzare le due opzioni singolarmente.

Infatti, come avrai intuito, la decisione “Make or Buy” è il frutto di un confronto dei risultati di un’analisi approfondita di tutti gli aspetti diretti ed indiretti di una realizzazione interna (make) piuttosto che di una sua esternalizzazione (buy)

Partiamo dall’opzione di “Make”.

Make or buy

Analisi dei costi

Il primo step è il calcolo del costo diretto di realizzazione del prodotto o servizio, al quale devono essere aggiunti tutti i costi accessori che quel processo porta con se, e i relativi investimenti.

Ad esempio: per la realizzazione di un componente meccanico dovrò sostenere i costi della materia prima, della progettazione, della lavorazione.

Essi portano con sé la gestione del magazzino, gli sfridi, e non da ultimo la presenza di macchinari e personale.

Una volta definito il costo da sostenere per ogni singolo prodotto / servizio, va budgetizzata la quantità richiesta per soddisfare le richieste del mercato.

La richiesta permette di raggiungere e superare il punto di pareggio (break even point)? Un aumento della quantità budgettizzata è gestibile?

Infine va determinato il margine di guadagno realizzabile.

Make or buy

Vantaggi della Produzione Interna per le Micro e Piccole Imprese

Quando si tratta di realizzare internamente i beni o servizi necessari per il funzionamento della tua impresa, ci sono diversi vantaggi da considerare.

  • Controllo sulla Qualità:

La produzione interna ti offre un maggiore controllo sulla qualità del processo. Hai la possibilità di supervisionare direttamente ogni fase di produzione, assicurando standard elevati per la soddisfazione dei clienti.

  • Personalizzazione e Flessibilità:

Gestendo internamente la produzione, puoi facilmente adattarti alle richieste personalizzate dei clienti. La tua azienda avrà maggiore flessibilità nel modificare i prodotti in base alle esigenze del mercato.

  • Conoscenza Interna e Know-how:

Mantenendo la produzione all’interno dell’azienda, puoi sviluppare una conoscenza approfondita del processo e acquisire competenze specializzate. Questo know-how diventa un prezioso vantaggio competitivo nel lungo termine.

Make or buy

Considerazioni sulla Capacità Produttiva e Risorse Necessarie

Prima di optare per la realizzazione interna, è essenziale valutare attentamente la capacità produttiva della tua impresa e le risorse necessarie per il successo dell’operazione.

  • Analisi della Domanda:

Valuta la domanda attuale e potenziale per i tuoi prodotti o servizi. La produzione interna può essere una scelta vantaggiosa se c’è una richiesta stabile, continuativa e significativa.

  • Investimenti in Attrezzature e Spazi:

Considera i costi di investimento in macchinari, attrezzature e spazi necessari per la produzione interna. Assicurati di avere la liquidità o le fonti di finanziamento per sostenere tali investimenti.

  • Capacità Produttiva:

Valuta la capacità produttiva della tua impresa. Sarà in grado di gestire internamente la crescita della domanda senza compromettere la qualità o i tempi di consegna?

Make or buy

Errori Comuni da Evitare nella Produzione Interna

La produzione interna offre molti vantaggi, ma può comportare anche alcuni rischi e sfide.

Ecco alcuni errori comuni da evitare:

  • Sottostimare i Costi:

Assicurati di avere una chiara comprensione di tutti i costi associati alla produzione interna, inclusi i costi nascosti come manutenzione, formazione del personale e gestione delle scorte.

  • Ignorare l’Innovazione:

Investi nella ricerca e nell’innovazione per migliorare costantemente i processi produttivi. L’innovazione può aiutarti a rimanere competitivo e a ridurre i costi a lungo termine.

  • Mancanza di Flessibilità:

Essere aperti al cambiamento e alla flessibilità è fondamentale nella produzione interna. Poter e saper adattare la produzione alla domanda e alle nuove opportunità di mercato.

Make or buy

Qual è pertanto lo schema da completare per una valutazione completa?

  1. Il calcolo del costi diretti legati alla realizzazione di quel prodotto o servizio
  2. il calcolo dei costi accessori

Con una valutazione attenta dei vantaggi e dei rischi, la produzione interna può essere una scelta strategica vantaggiosa per la tua impresa. Valuta attentamente la tua capacità produttiva e le risorse disponibili, evitando gli errori comuni e sfruttando i vantaggi offerti dal “Make”.

Make or buy

make or buy

Buy: Acquisto Esterno o Outsourcing

Nel capitolo precedente, abbiamo esplorato la produzione interna come opzione strategica per le micro e piccole imprese. Ora è il momento di rivolgere la nostra attenzione all’alternativa: l’acquisto esterno o outsourcing, noto anche come “Buy”.

Make or buy

I Benefici Chiave dell’Acquisto Esterno per le Micro e Piccole Imprese

Acquistare beni o servizi da fornitori esterni può portare diversi vantaggi alle micro e piccole imprese. Vediamo insieme quali sono i principali benefici:

  • Riduzione dei Costi Operativi:

L’outsourcing può ridurre i costi complessivi dell’azienda. Invece di investire in attrezzature costose o personale specializzato, puoi affidare alcune attività a fornitori esterni, che spesso possono beneficiare di economie di scala.

  • Maggiore Flessibilità:

L’acquisto esterno ti offre maggiore flessibilità. Puoi adattare facilmente la quantità di beni o servizi acquistati in base alle fluttuazioni della domanda, senza dover affrontare costi fissi in tempi di bassa attività.

  • Accesso a Competenze Specializzate:

L’outsourcing ti consente di accedere a fornitori con competenze specializzate. Puoi beneficiare dell’esperienza e delle conoscenze di esperti nel settore, senza dover investire nella formazione interna del personale.

Make or buy

Fattori da Valutare nella Selezione dei Fornitori Esterni

Quando si sceglie di acquistare esternamente, è essenziale selezionare i fornitori giusti per garantire il successo di questa strategia. Ecco alcuni fattori da considerare nella selezione dei fornitori esterni:

  • Reputazione e Credibilità:

Indaga sulla reputazione dei fornitori e verifica la loro affidabilità. Le recensioni dei clienti e le referenze possono essere indicatori importanti per valutare la credibilità di un fornitore.

  • Capacità di Produzione e Qualità:

Assicurati che il fornitore abbia la capacità di soddisfare le tue esigenze di produzione e che possa garantire una qualità elevata dei beni o servizi forniti.

  • Politiche di Prezzo e Contrattuali:

Valuta le politiche di prezzo dei fornitori e le condizioni contrattuali proposte. Cerca trasparenza sui costi e assicurati di avere accordi chiari per evitare sorprese future.

Make or buy

Rischi e Sfide dell’Outsourcing e come Prevenirli

L’outsourcing offre vantaggi, ma ci sono anche rischi e sfide da affrontare. Vediamo come prevenirli:

  • Perdita di Controllo sulla Qualità e Tempestività:

Comunica chiaramente le tue aspettative al fornitore e stabilisci sistemi di monitoraggio per garantire che gli standard qualitativi e le tempistiche siano rispettati.

  • Dipendenza da Terze Parti:

Diversificare la base di fornitori può ridurre la dipendenza da un singolo fornitore e proteggerti da eventuali interruzioni del servizio.

  • Protezione della Proprietà Intellettuale:

Assicurati che siano presenti clausole di riservatezza e protezione della proprietà intellettuale nei contratti con i fornitori, per evitare la divulgazione non autorizzata di informazioni sensibili.

Make or buy

L’acquisto esterno o outsourcing può essere una scelta strategica vantaggiosa per le micro e piccole imprese, ma richiede attenzione e pianificazione accurata. Valuta attentamente i benefici, seleziona fornitori affidabili e affronta i rischi in modo proattivo per ottenere i migliori risultati per il tuo business.

Make or buy

Vuoi un supporto specializzato per effettuare la tua analisi quantitativa e qualitativa?

make or buy: rischi e profitti

Analisi dei Costi e dei Rischi

Nei capitoli precedenti, abbiamo esaminato in dettaglio le opzioni di “Make” (produzione interna) e “Buy” (acquisto esterno) per le micro e piccole imprese. Ora, è il momento di affrontare un aspetto cruciale nella scelta tra queste due opzioni: l’analisi dei costi e dei rischi.

Metodi per Valutare i Costi Interni e Quelli di Acquisto

Quando prendi una decisione strategica come il “Make or Buy”, l’analisi dei costi è un passo fondamentale. Dovrai valutare attentamente i costi sia della produzione interna che dell’acquisto esterno per ottenere una visione chiara delle implicazioni finanziarie. Ecco alcuni metodi utili per condurre questa analisi:

  • Costi Diretti e Indiretti:

Identifica i costi direttamente attribuibili alla produzione interna, come il costo delle materie prime e la manodopera. Considera anche i costi indiretti, come gli oneri amministrativi e i costi di manutenzione delle attrezzature.

  • Costi di Acquisto:

Quando valuti l’acquisto esterno, calcola i costi di acquisto dei beni o servizi dal fornitore, inclusi i costi di spedizione o altre spese aggiuntive.

  • Costi Totali del Ciclo di Vita:

Valuta i costi per l’intero ciclo di vita del prodotto o del servizio. Ciò include costi futuri come manutenzione, sostituzione e obsolescenza.

Make or buy

Come Calcolare il Punto di Pareggio tra Make e Buy

Il punto di pareggio è il punto in cui i costi della produzione interna si equivalgono ai costi dell’acquisto esterno. Calcolarlo ti aiuterà a identificare la soglia critica in cui una delle opzioni diventa più vantaggiosa rispetto all’altra. Per calcolare il punto di pareggio:

  • Identifica i Costi Rilevanti:

Determina i costi chiave per entrambe le opzioni, inclusi i costi fissi e variabili.

  • Calcola i Costi per Ogni Opzione:

Stimando i costi per diverse quantità di produzione o acquisto, puoi individuare il punto in cui i costi si equivalgono.

  • Analizza le Tendenze e le Variabili:

Considera come i costi possono cambiare nel tempo o con variazioni della domanda per ottenere una visione completa.

Make or buy

Valutazione dei Rischi e Impatto sulla Scelta Finale

Oltre all’analisi dei costi, è essenziale valutare i rischi associati a ciascuna opzione. Alcuni rischi comuni da considerare includono:

  • Rischio di Mercato:

La domanda può variare e influenzare sia la produzione interna che l’acquisto esterno. Valuta come la volatilità del mercato può impattare la tua scelta.

  • Rischio di Qualità:

Sia la produzione interna che l’outsourcing possono comportare rischi di qualità. Assicurati di collaborare con fornitori affidabili e mantieni rigorosi standard di controllo della qualità in produzione interna.

  • Rischio di Dipendenza:

L’outsourcing può portare a una dipendenza da fornitori esterni, mentre la produzione interna può comportare un’alta dipendenza da risorse interne. Cerca di mitigare questi rischi diversificando le fonti di approvvigionamento e sviluppando competenze interne chiave.

Make or buy

L’analisi dei costi e dei rischi è essenziale per prendere una decisione informata tra “Make” e “Buy”. Considera attentamente tutti gli aspetti finanziari e strategici, tenendo conto delle variabili future. Solo così potrai fare una scelta oculata che migliorerà l’efficienza e il successo a lungo termine della tua impresa.

case study controllo di gestione

make or buy

Casi Studio: Studio di Fattibilità “Make or Buy”

make or buy

Caso1 – Processo produttivo in una MicroImpresa Metalmeccanica:

Descrizione dell’Impresa e del Prodotto/Servizio in Esame

Il primo esempio pratico riguarda la storia di Alessio, il fondatore di una micro impresa metalmeccanica “MetalTech”. Alessio è appassionato di tecnologia e ha avuto l’ambizione di creare una piccola azienda specializzata nella produzione di componenti meccanici di alta qualità.

Il prodotto principale di “MetalTech” è una particolare serie di ingranaggi di precisione utilizzati in diverse industrie manifatturiere. Con il crescente sviluppo del settore manifatturiero, la domanda di questi ingranaggi è in costante aumento, e Alessio si rende conto dell’opportunità di crescita per la sua azienda.

Analisi dei Costi, dei Benefici e dei Rischi Coinvolti

Alessio si trova ora di fronte a una scelta cruciale: dovrebbe continuare a produrre internamente gli ingranaggi (Make) o considerare l’acquisto da un fornitore esterno (Buy)? Per prendere una decisione informata, Alessio inizia l’analisi dei costi, dei benefici e dei rischi coinvolti in entrambe le opzioni.

Produzione Interna (Make)

La produzione interna è stata la scelta iniziale di Alessio sin dall’inizio. Ha un team di operai altamente specializzati e macchinari di precisione per la produzione degli ingranaggi. Tuttavia, la domanda crescente richiede una maggiore capacità produttiva e nuovi investimenti in macchinari avanzati. L’analisi dei costi rivela che la produzione interna potrebbe richiedere investimenti significativi e impegnativi inizialmente. Ma ci sono anche alcuni benefici rilevanti:

  • Controllo sulla Qualità: Alessio può garantire un controllo diretto sulla qualità degli ingranaggi, essendo responsabile di ogni fase della produzione.
  • Risposta Rapida alle Richieste dei Clienti: Con la produzione interna sarà in grado di rispondere rapidamente alle esigenze personalizzate dei clienti e offrire soluzioni su misura.
  • Competenza Interna: Mantenendo la produzione interna, “MetalTech” può sviluppare una competenza distintiva nel settore della metalmeccanica.

Acquisto Esterno (Buy)

D’altra parte, Alessio considera l’opzione di acquistare gli ingranaggi da un fornitore esterno. Ha identificato un fornitore affidabile con una buona reputazione nella produzione di componenti meccanici di alta qualità. L’analisi dei costi mostra che l’acquisto esterno potrebbe comportare risparmi iniziali in termini di investimenti e costi operativi. Tuttavia, ci sono anche dei rischi da considerare:

  • Controllo sulla Qualità: Con l’outsourcing dovrà affidarsi al fornitore per garantire la qualità degli ingranaggi. Ciò potrebbe comportare un rischio di ricevere prodotti non conformi alle specifiche richieste.
  • Dipendenza Esterna: L’acquisto esterno potrebbe renderlo dipendente da un singolo fornitore, con il rischio di dipendenza da un unico partner commerciale.
  • Differenziazione del Brand: Produrre internamente gli ingranaggi potrebbe fornire una maggiore opportunità di differenziare il brand “MetalTech” e sottolineare l’impegno per la qualità e l’innovazione.

Decisione Finale e Motivazioni dietro la Scelta Effettuata

Dopo un’attenta analisi dei costi, dei benefici e dei rischi, Alessio ha preso una decisione. Ha scelto di continuare la produzione interna degli ingranaggi. Sebbene l’acquisto esterno avrebbe comportato risparmi iniziali, Alessio ha compreso l’importanza del controllo sulla qualità e la possibilità di differenziare il brand “MetalTech” attraverso l’eccellenza della produzione interna.

Per affrontare la crescita della domanda, Alessio sta pianificando di effettuare investimenti mirati in nuove tecnologie e macchinari avanzati per aumentare la capacità produttiva. Questa scelta gli permetterà di mantenere il controllo sulla qualità degli ingranaggi, mantenere un elevato livello di personalizzazione e consolidare la reputazione di “MetalTech” come leader nel settore della metalmeccanica.

In conclusione, il caso di Alessio ci ricorda l’importanza di un’analisi accurata e delle motivazioni strategiche dietro la scelta tra “Make or Buy” nel settore della metalmeccanica. Ogni micro impresa avrà le sue esigenze uniche, e prendere decisioni informate è fondamentale per il successo a lungo termine dell’azienda.

Make or buy

Caso2 – Processo Gestionale in una Piccola Impresa di Arredamento:

Descrizione dell’Impresa e del Prodotto/Servizio in Esame

Benvenuto nel caso studio di “ArrediIdeali,” una piccola impresa nel settore dell’arredamento. La titolare, Laura, è una designer talentuosa e ha fondato l’azienda con la passione per creare arredi unici e di alta qualità per i suoi clienti.

Il prodotto principale di “ArrediIdeali” è una vasta gamma di mobili personalizzati, dalle sedie ai tavoli e ai divani, realizzati con materiali pregiati e design raffinati. L’azienda si è guadagnata una buona reputazione nel settore per la sua attenzione ai dettagli e la cura dei clienti.

Tuttavia, Laura si trova di fronte a un problema: sta gestendo personalmente l’area marketing e comunicazione dell’azienda, ma la crescente richiesta di nuovi clienti e la gestione dei progetti stanno diventando troppo impegnativi. Ha bisogno di supporto per mantenere la competitività sul mercato e promuovere i suoi prodotti in modo più efficace.

Analisi dei Costi, dei Benefici e dei Rischi Coinvolti

Laura è ora di fronte a una scelta cruciale: dovrebbe assumere una persona come dipendente per gestire l’area marketing e comunicazione (Make) o avvalersi di un freelance esterno (Buy)? Per prendere una decisione informata, Laura inizia l’analisi dei costi, dei benefici e dei rischi coinvolti in entrambe le opzioni.

Assumere un Dipendente (Make)

L’idea di assumere un dipendente interno entusiasma Laura, poiché avrebbe un controllo diretto sulle strategie di marketing e comunicazione dell’azienda. L’analisi dei costi rivela che ci sarebbero costi fissi mensili, come stipendio e oneri sociali, oltre a eventuali costi di formazione iniziale. Tuttavia, ci sono anche alcuni benefici significativi:

  • Controllo Creativo: Laura avrà la possibilità di guidare direttamente la strategia di marketing e comunicazione, garantendo coerenza con la sua visione aziendale.
  • Dedicazione Esclusiva: Un dipendente interno avrà la possibilità di dedicarsi esclusivamente all’azienda, offrendo continuità e impegno nel tempo.
  • Sinergia con il Team: Un dipendente interno potrebbe facilmente integrarsi con il resto del team, favorendo la collaborazione e lo scambio di idee.

Avvalersi di un Freelance Esterno (Buy)

D’altra parte, Laura considera l’opzione di avvalersi di un freelance esterno specializzato in marketing e comunicazione. Questa scelta potrebbe comportare risparmi iniziali in termini di costi fissi e riduzione della burocrazia. Tuttavia, ci sono anche dei rischi da considerare:

  • Lunga Distanza e Comunicazione: Un freelance esterno potrebbe lavorare in remoto, rendendo la comunicazione meno immediata rispetto a un dipendente interno.
  • Coerenza con la Visione Aziendale: Laura dovrà comunicare in modo chiaro e preciso le sue aspettative per garantire coerenza con l’identità e i valori di “ArrediIdeali.”
  • Disponibilità e Impegno: Laura dovrà assicurarsi che il freelance sia disponibile e impegnato a lungo termine per soddisfare le esigenze dell’azienda.

Decisione Finale e Motivazioni dietro la Scelta Effettuata

Dopo un’attenta analisi dei costi, dei benefici e dei rischi, Laura ha preso una decisione. Ha scelto di avvalersi di un freelance esterno specializzato in marketing e comunicazione. Sebbene l’assunzione di un dipendente avrebbe offerto un maggiore controllo e continuità, Laura ha considerato la flessibilità e la possibilità di avere un’expertise specifica per affrontare le sfide dell’area di marketing e comunicazione.

Per mitigare i rischi, Laura sta selezionando un freelance con una comprovata esperienza nel settore dell’arredamento e una buona capacità di adattarsi alla visione aziendale di “ArrediIdeali.” Laura è entusiasta di collaborare con un professionista esterno, convinta che questa scelta le permetterà di concentrarsi meglio sulle sue passioni creative e di continuare a offrire arredi unici e di alta qualità ai suoi clienti fedeli.

In conclusione, il caso di Laura ci ricorda l’importanza di un’analisi approfondita e delle motivazioni strategiche dietro la scelta tra “Make” e “Buy” nell’area marketing e comunicazione. Ogni piccola impresa avrà le sue esigenze uniche, e prendere decisioni informate è fondamentale per il successo e la crescita dell’azienda nel settore dell’arredamento.

make or buy

Conclusioni

In questo articolo, abbiamo esplorato il tema critico del “Make or Buy” nell’ambito del controllo di gestione, focalizzandoci con dei casi studio su due settori diversi: la produzione di componenti nel settore della metalmeccanica e l’area di marketing e comunicazione nel settore dell’arredamento.

Attraverso i casi studio di “MetalTech” e “ArrediIdeali,” abbiamo analizzato l’importanza di una valutazione approfondita dei costi, dei benefici e dei rischi coinvolti nella scelta tra produzione interna e acquisto esterno.

Per entrambe le micro imprese, la decisione finale ha rappresentato una scelta strategica volta a garantire il successo a lungo termine e la crescita dell’attività.

In “MetalTech,” la produzione interna degli ingranaggi ha permesso di mantenere il controllo sulla qualità e la differenziazione del brand, consolidando la reputazione di eccellenza nell’ambito della metalmeccanica.

Dall’altra parte, “ArrediIdeali” ha deciso di avvalersi di un freelance esterno per gestire l’area marketing e comunicazione, consentendo alla titolare Laura di concentrarsi sulle sue passioni creative e garantendo un supporto professionale specializzato nella promozione dell’azienda.

make or buy

Questa scelta strategica rappresenta solo uno dei molteplici aspetti che un imprenditore deve affrontare nell’affrontare le sfide delle micro e piccole imprese.

La consapevolezza delle opzioni disponibili e delle implicazioni di ogni decisione è fondamentale per il successo a lungo termine.

make or buy

Se sei un micro o piccolo imprenditore e hai bisogno di supporto nella valutazione del controllo di gestione e di altre strategie aziendali, non esitare a contattarmi.

La mia esperienza come consulente esperta nel controllo di gestione per micro e piccole imprese può essere un prezioso aiuto nel raggiungere i tuoi obiettivi aziendali.

Sono qui per fornirti le conoscenze e le competenze necessarie per prendere decisioni informate e ottimizzare il successo della tua impresa.

make or buy

Affrontiamo insieme le sfide e costruiamo un futuro di successo per la tua azienda.

Contattami oggi stesso per una consulenza personalizzata e professionale.

make or buy


Consiglio di lettura:
“Outsourcing strategico. Tecniche di gestione, criticità, vantaggi competitivi”
di Antonio Ricciardi e Patrizia Pastore

make or buy

Se hai trovato interessante ed utile il mio articolo, condividilo.

Leggi gli ultimi articoli:

ebitda
Controllo di gestione

Ebitda: il margine operativo prodotto dalla tua gestione

Ebitda o Margine Operativo Lordo è un indicatore di redditività che evidenzia il reddito di un’azienda basato solo sulla sua gestione operativa, quindi senza considerare gli interessi, le imposte, il deprezzamento di beni e gli ammortamenti

Gestione Snella

Prendi il timone e definisci la tua rotta.

Richiedi una Consulenza gratuita di 30 minuti

Inizia a gestire attivamente
il tuo business.

Richiedi gratuitamente il file excel per la gestione dei flussi di cassa

Su questo sito utilizziamo strumenti di prima o terza parte che memorizzano piccoli file

(cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire

il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report

sull’utilizzo della navigazione (cookie di statistica) e per pubblicizzare

adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo

utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o

meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a

offrirti un’esperienza migliore.